Posts Tagged ‘italia’

La politica nel pallone – Doppi Fini

July 17, 2010
La Politica Nel Pallone - Doppi Fini

La Politica Nel Pallone - Doppi Fini

La Russa intitola la Coppa Italia 2010-2011 ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Anch’egli sta cercando consensi tra chi è stufo delle sparate leghiste sulla presunta superiorità del Nord e sulla secessione. Anche Fini, ormai da qualche tempo, va nella stessa direzione difendendo l’Unità d’Italia, e polemizzando all’occorrenza con Tremonti, Bossi o altri esponenti della maggioranza. Da quando i finiani si sono pubblicamente allontanati dal capezzale di Berlusconi, Gianfranco è diventato un competitor dichiarato per La Russa, così come per tutti coloro che hanno scelto di restare fedeli all’Imperatore (Cesare) fino all’ultimo. All’orizzonte, si stagliano movimenti tellurici che ricomporranno il sistema partitico in modalità inedite, e la competizione tra i (futuri) avversari è già cominciata, per accaparrarsi “fette” di elettorato. Mentre ciò accade, i leghisti cincischiano con Totti. Che si stiano perdendo qualcosa?

Advertisements

Bossi porta sfiga!!! – L’altra faccia della personalizzazione della politica

June 24, 2010

Bossi Nel Pallone

Una delle poche volte che la Lega è costretta a fare marcia indietro. Scegliendo il più classico degli schemi comunicativi berlusconiani: lo “scherzavo, non dicevo mica sul serio”. L’uscita di Bossi ha costretto i suoi vicari a prendere posizioni più concilianti. Come Zaia, costretto a dirsi tifoso della nazionale e a rilasciare imbarazzanti interviste sulla sua situazione gastro-intestinale per far tornare lo share della Lega a livelli accettabili.

Questo episodio è il lato oscuro della personalizzazione politica: la percezione pubblica e la posizione dei partiti sono sempre più indissolubilmente legate al leader, alle sue caratteristiche e alle sue dichiarazioni sui media. E la Lega è nelle mani di una famiglia (i Bossi) che sono sempre sul crinale della decenza.

Tra l’altro, calcisticamente parlando, gli “auguri” di Bossi alla vigilia della partita con la Slovacchia suonano menagrami. Per contrastarli, vi linkiamo gli scongiuri del mitico Lino. Speriamo che facciano effetto!!!!

The Italian Job

June 22, 2010

The Italian Job - La videosorveglianza è un business !!!

Si è recentemente parlato sui giornali dell’abbattimento al Gianicolo dei busti degli eroi del risorgimento. L’articolo conclude con una frase che mi ha fatto pensare: «L’ennesimo gesto vandalico. E se al Pincio già sono state installate le telecamere, il delegato del sindaco per la Sicurezza, Giorgio Ciardi, propone di posizionarle anche lungo la passeggiata del Gianicolo».

Ciardi coglie la palla al balzo per far installare nuove telecamere. Un trend che vediamo in tutta Italia: la maggior parte delle città e dei paeselli amministrati dal centrodestra si stanno riempiendo di telecamere a ogni angolo di strada. E la faccenda comincia a puzzare. Di marcio.

Mi limito a citare il recente scandalo Finmeccanica su cui sta indagando la Procura di Trapani: l’accusa ipotizza che un sodalizio di dirigenti del Ministero dell’Interno, imprenditori, politici e prefetti abbia tentato di pilotare gli appalti per la sicurezza e la videosorveglianza del porto e della città che ha ospitato la Louis Vuitton Cup, il primo Grande evento gestito da Guido Bertolaso.

Questo è la punta di un iceberg italiano, che potrebbe trasformarsi nella trama di un film alla “The Italian Job”. Manteniamo l’attenzione alta, e restiamo a vedere come si evolve la faccenda.

2013, Elezioni Politiche – Il trailer

May 2, 2010

Apocalisse a Montecitorio

Dopo il catastrofico “2012” di Emmerich in cui l’intero globo, dall’Himalaya al cupolone di S. Pietro, venivano spazzati via da uno tsunami apocalittico, il pubblico italiano freme all’uscita del nuovo kolossal catastrofico della Silvio Berlusconi Communication: “2013 – elezioni politiche”. Fino a poche settimane fa sembrava che gli eserciti del centrosinistra avrebbero avuto almeno un paio d’anni, fino al 2013, per riorganizzarsi dopo le ultime sconfitte e affrontare l’Esercito del Male. Oggi le ultime notizie rendono il futuro sempre più incerto, e l’Apocalisse più vicino.

Detto in altre parole, se il Governo cadesse cosa ci dovremmo aspettare? «Silvio stai attento» ha sussurrato Bossi all’orecchio di Berlusconi «perché a questo punto non si capisce dove vuole andare a parare Fini… e se Montezemolo si mette con Draghi, Fini e Casini e rifanno la Dc?». È un’ipotesi più che realistica, e l’Umberto lo sa bene. E sa anche che, se il PDL avrà un’emorragia (Fini e le sue truppe), non è detto che alle prossime elezioni il popolo del predellino non preferisca allearsi con il grande centro e abbandonare la Lega al suo destino… ma le previsioni sono difficili da fare, per tutti.

La verità è che queste elezioni, se capitassero adesso, sarebbero un vero salto nel buio. Non esistono sondaggi che possono dirci quanto vale Fini fuori dal PDL, oppure quanto vale un nuovo partito di Centro che riunisca Udc, Rutelli e Fini sotto lo stesso tetto, o quanto possa valere una Lega che corre da sola alle elezioni, e quindi destinata a essere all’opposizione. Per questo, dopo le sparate dei primi giorni, i leaders sono tornati a più miti consigli (vedi anche qui).

Ma soprattutto, la domanda delle domande rimane senza risposta: chi guiderà la cordata contro Silvio? Il nome di Montezemolo per qualche giorno risuonava con insistenza sui media, e le posizioni dei leader dell’opposizione sono state possibiliste. «Non lo tirerei per la giacchetta» ha detto a proposito un tiepido Di Pietro, che propone «un percorso trasparente» (e cioè le primarie) per trovare un leader condiviso. Oggi sulla Stampa è apparsa un’altra possibilità: “Operazione Nichi”, con De Magistris, Santoro e Marino che sostengono Vendola.

Comunque sia, una discussione aperta sul candidato che può guidare il centrosinistra alle prossime elezioni è uno squarcio di azzurro che taglia le nubi nere e rasserena il cielo plumbeo da Apocalisse. Un percorso che porti a delle primarie della sinistra unita, con candidati credibili e tempistiche azzeccate potrebbe convogliare un’onda positiva in grado di spazzare via Berlusconi e i suoi, e di scongiurare l’Armageddon.

Restiamo in attesa del prossimo trailer…