Archive for June, 2010

Intervallo – Quando il fondo del barile non arriva mai!

June 30, 2010

Intervallo - Political TV

Tengono banco in questi giorni le polemiche scaturite intorno alla nomina a ministro senza portafoglio né delega di Aldo Brancher. Un perfetto sconosciuto, almeno al grande pubblico, ma di cui basta leggere la biografia per capirne la machiavellica abilità di trovarsi sempre, come direbbero gli americani, in the right place at the right time! Il ritratto che ne traccia Filippo Ceccarelli è in questo senso davvero imperdibile.

L’affaire Brancher presenta almeno due risvolti degni di nota.

In primo luogo il mistero sulla sostanza dei suoi incarichi: pare non ci sia nessuno in tutta la Roma Imperiale che sappia dire con un minimo di precisione di cosa si debba occupare il buon Brancher: la delega originaria all’Attuazione del Federalismo Amministrativo e Fiscale si è infatti già magicamente trasformata in quella alla Sussidiarietà ed al Decentramento. Misteri capitolini!Lo stesso Brancher, balbettante, aveva provato a risolvere l’enigma con una tautologia: “le mie deleghe sono quelle riportate sulla Gazzetta Ufficiale”! Peccato, però, che tutta la modulistica si trovi ancora sulla scrivania di Silvio, in viaggio diplomatico in Brasile e quindi con ogni probabilità impegnato per tempo indefinito tra le spiagge di Copacabana.  

In secondo luogo, poi, a finire nella bufera mediatica e politica è stato il primo encomiabile atto ufficiale del neoministro: la richiesta di avvalersi del legittimo impedimento per poter disertare l’udienza del prossimo 5 luglio che lo vede imputato nel processo Bpi-Antonveneta. Ora, la sfacciataggine di questa operazione è così palese e malcelata che è riuscita in un record politico eccezionale: aver messo d’accordo Finiani, leghisti, Di Pietristi, ed ancora rossi, bianchi e viola. Il fuoco incrociato, amico e nemico, che ha investito il nostro novello Talleyrand, abile tessitore delle trame politiche della seconda repubblica, si è infatti scatenato tanto dai banchi dell’opposizione, quanto da quelli della maggioranza, fino ad arrivare a meritare un colpo di grazia sparato direttamente dal Colle. Tutti a sottolineare l’inopportunità di questo primo atto ed a richiederne l’inevitabile dietrofront.

L’aspetto che tuttavia mi sembra più grave in tutta la vicenda non è tanto l’inammissibilità per forma, tempi e sostanza della richiesta (del resto… fatta la legge trovato l’inganno) bensì, astraendo dal singolo caso, il fatto che siamo davanti all’ennesima riprova dell’utilizzo negoziale che il centro destra italiano sistematicamente fa dei ruoli di governo e degli incarichi politici. Tutti coloro che hanno in qualche modo favorito gli interessi del grande capo devono essere ricompensati, anche a legislatura avanzata, con una bella nomina a viceministro, a sottosegretario o direttamente a ministro, senza nemmeno trascurare la possibilità di ricorrere all’invenzione ex novo di un ministero o di una delega ad hoc. Un mercimonio fatto e finito tra fedeltà ed incarichi, che avrebbe travolto la credibilità dell’attività di qualsiasi governo al mondo, e che in Italia ha definitivamente avariato lo stesso significato del ruolo di ministro: l’incarico ministeriale sta infatti progressivamente perdendo il suo carattere di funzione esecutiva per assumere sempre più spesso quello di gratifica, di ricompensa, quasi di onorificenza (tra l’altro, considerata nelle fila berlusconiane del massimo grado grazie ai poteri taumaturgici che il legittimo impedimento le ha fornito).

Per informazioni chiedere a Bertolaso, alla Santanché, alla Gelmini, alla Carfagna o a Bondi! Competenza ed esperienza sono optional nei processi di nomina, l’unica virtù apprezzata è quella di essere uomini fedeli.  In questo caso anche di fede.

Advertisements

Silvio Desperado: Federica Gagliardi, Noemi, Patrizia, e tutte le altre

June 28, 2010

Silvio Desperado

Ecco che torna il tormentone estivo del “Berlusconi sex scandal”. Dopo i festini con Topolanek, le voci su Noemi, le telefonate piccanti con Patrizia, le dicerie sul lettone di Putin, c’è una nuova fonte di racconti a sfondo sessuale sul vecchio premier: Federica Gagliardi, avvenente assistente della Polverini che Silvio si è portato con sé al G8.

Chi non capisce il motivo di questa trovata, dovrebbe leggersi il libro “Storytelling. La fabbrica delle storie” di Christian Salmon. Nel testo si parla dell’utilizzo dello storytelling in politica, e della “tecnica di Shahrazad”, che ha fatto vincere il secondo mandato a Bush, contro ogni aspettativa.

La tecnica consiste in un semplice principio: quando la politica vi condanna a morte, cominciate a raccontare storie. Storie così favolose, così accattivanti, così ammalianti che il re (o in questo caso i cittadini elettori che in teoria governano i sistemi democratici) dimenticherà la vostra condanna a morte.

Silvio con i suoi ammiccamenti alla sua vita sessuale sta cercando di distogliere l’attenzione dal suo calo di popolarità, con la complicità dei media. I quali, essendo in costante ricerca di scoop non possono tralasciare notizie di gossip di questo calibro, che sono tra le preferite in assoluto delle audiences mondiali.

È lo stesso principio per cui ad ogni elezione Silvio distoglie l’attenzione dai programmi elettorali e punta tutto sullo scontro tra il Bene e il Male, tra l’Amore e l’Odio, tra il Comunismo e la Libertà, ricreando lo schema archetipico delle narrazioni mitologiche più antiche dell’umanità.

Allo stesso modo, quando la popolarità è in calo e il governo è sulla graticola a causa delle sue scellerate scelte politiche, Silvio punta sul mito della sua vita sessuale. Sulla storia del Macho Latino che, nonostante l’età, è ancora un uomo potente, “tutto d’un pezzo”, ed è in grado di soddisfare donne molto più giovani di lui. Vorrebbero farci credere che Berlusconi è come il Banderas di Desperado. Fa ridere, a ben pensarci. Il problema però è che qualcuno ci crede.

Direi che è arrivato il momento di non cascarci più, e di smascherare questo giochino. Fatelo sapere ai vostri amici, alle vostre zie e alle vostre nonne. Berlusconi non è Banderas. E’ solo un miliardario ingombrante che è ora di mandare a casa. Insieme alla sua cricca di amici.

Bossi porta sfiga!!! – L’altra faccia della personalizzazione della politica

June 24, 2010

Bossi Nel Pallone

Una delle poche volte che la Lega è costretta a fare marcia indietro. Scegliendo il più classico degli schemi comunicativi berlusconiani: lo “scherzavo, non dicevo mica sul serio”. L’uscita di Bossi ha costretto i suoi vicari a prendere posizioni più concilianti. Come Zaia, costretto a dirsi tifoso della nazionale e a rilasciare imbarazzanti interviste sulla sua situazione gastro-intestinale per far tornare lo share della Lega a livelli accettabili.

Questo episodio è il lato oscuro della personalizzazione politica: la percezione pubblica e la posizione dei partiti sono sempre più indissolubilmente legate al leader, alle sue caratteristiche e alle sue dichiarazioni sui media. E la Lega è nelle mani di una famiglia (i Bossi) che sono sempre sul crinale della decenza.

Tra l’altro, calcisticamente parlando, gli “auguri” di Bossi alla vigilia della partita con la Slovacchia suonano menagrami. Per contrastarli, vi linkiamo gli scongiuri del mitico Lino. Speriamo che facciano effetto!!!!

The Italian Job

June 22, 2010

The Italian Job - La videosorveglianza è un business !!!

Si è recentemente parlato sui giornali dell’abbattimento al Gianicolo dei busti degli eroi del risorgimento. L’articolo conclude con una frase che mi ha fatto pensare: «L’ennesimo gesto vandalico. E se al Pincio già sono state installate le telecamere, il delegato del sindaco per la Sicurezza, Giorgio Ciardi, propone di posizionarle anche lungo la passeggiata del Gianicolo».

Ciardi coglie la palla al balzo per far installare nuove telecamere. Un trend che vediamo in tutta Italia: la maggior parte delle città e dei paeselli amministrati dal centrodestra si stanno riempiendo di telecamere a ogni angolo di strada. E la faccenda comincia a puzzare. Di marcio.

Mi limito a citare il recente scandalo Finmeccanica su cui sta indagando la Procura di Trapani: l’accusa ipotizza che un sodalizio di dirigenti del Ministero dell’Interno, imprenditori, politici e prefetti abbia tentato di pilotare gli appalti per la sicurezza e la videosorveglianza del porto e della città che ha ospitato la Louis Vuitton Cup, il primo Grande evento gestito da Guido Bertolaso.

Questo è la punta di un iceberg italiano, che potrebbe trasformarsi nella trama di un film alla “The Italian Job”. Manteniamo l’attenzione alta, e restiamo a vedere come si evolve la faccenda.

Perché Pontida è Pontida…

June 21, 2010
Padania’s Got Talent

Proprio come Sanremo anche l’annuale appuntamento con il raduno di Pontida merita uno slogan di unicità ed eccezionalità. Quello che avviene ogni anno sul “sacro prato” ha sempre un sapore particolarmente gustoso. Sotto una bella pioggia padana l’edizione 2010 non ha tradito le aspettative. Si va dalle minacce di Castelli (ma dopo la trombata elettorale a casa sua non era meglio un po’ più di sobrietà, soprattutto nel vestire?), al processo di autocoscienza del Trota, passando per i deliri di Bossi, ormai sempre più come Mr Rovagnati… “lui li ha fatti e lui li firma!

Il tutto davanti ad un popolo di coristi che canta contro i Napoletani (come si può essere Napoletani ed elettori del PDL, gli alleati fedelissimi di questi scienziati, è per me fonte di misterioso e profondo turbamento) cercando di coinvolgere nella performance il nostro fuoriclasse preferito, costretto invece ad un immeritato silenzio!

Viva lo zoo,

sul libero suol!

La Padania e la Nutella

June 19, 2010

I leghisti si danno da fare: dopotutto siamo sotto la luna di Pontida, che come recita il fantozziano spot sul sito della Lega è il “sacro prato in terra bergamasca”. E si vede che questo evento li ispira particolarmente, perchè ogni giorno c’è del nuovo materiale per la nostra rubrica Padania’s Got Talent.

Questa volta non è un leader a essere l’oggetto della nostra attenzione, ma il giornale La Padania di venerdì 18 giugno 2010. Guardate qui sotto la prima pagina del quotidiano del Carroccio.

La Padania. 18 giugno 2010.

Ora, io non pretendo che tutti i giornali debbano essere uguali. Tuttavia credo che sia di buon senso esigere che un quotidiano “informi” su quello che accade nel mondo. Che lo racconti, anche a modo suo.

Gli altri quotidiani il 18 giugno 2010 hanno pubblicato diverse notizie:

Il Corriere ha aperto con la notizia della condanna di De Gennaro per i fatti diGenova 2001;

La Repubblica con il ddl di Tremonti che vuole modificare l’art.41 della Costituzione;

La Stampa con De Gennaro e il “sì” dell’Ue sulla tassa sulle Banche;

… e via dicendo.

La Padania invece no. In prima pagina pubblica “Lega garazia di buon governo” e una fotonotizia altrettanto grande con “giù le mani dalla nutella”. E ovviamente, in fondo pagina, una bella pubblicità negativa contro gli immigrati: “uno straniero su 4 lavora in nero”. Non si dice che questi stranieri in nero lavorano per gli imprenditori leghisti del bergamasco e del bresciano. E che sono questi ultimi a guadagnare di più dal lavoro in nero. Non si parla di nulla che potrebbe mettere in luce le difficoltà del governo. No. Pensiamo a quanto è buona la Nutella, che è meglio.

Ogni volta che penso ai leghisti, resto basito. Ma davvero qualcuno ancora pensa che la Lega sia un partito serio?

Salvini, un talento davvero “mundial”!

June 16, 2010

Padania's Got Talent

Quando si parla di calcio si finisce molto spesso a dibattere sul talento. Chi ce l’ha innato, chi non ne ha affatto ma sopperisce con il duro allenamento, chi l’ha coltivato, chi gli ha girato le spalle e così via. Ed allora in tempi  di calcio mundial come quelli che stiamo vivendo in questi giorni non poteva certo mancare una puntata del nostro reality dedicato proprio al talento. Eh sì perché, nonostante i primi caldi e l’imminente inizio dell’estate, i nostri indefessi padani dimostrano di essere ancora a pieno regime ed inanellano prestazioni su prestazioni.

L’ultimo esempio cristallino è per ironia della sorte proprio legato al Mondiale sudafricano: ha fatto non poco scalpore, infatti, la diretta che Radio Padania ha trasmesso durante la partita dell’Italia di lunedì sera.

I radiocronisti padani hanno condotto il racconto del match tifando contro la nostra nazionale, esultando al gol del Paraguay (particolarmente gustoso al palato padano perché maturato su incertezza di Cannavaro, napoletano e capitano degli Azzurri) e rammaricandosi per il pareggio del romanissimo De Rossi!

La difesa della linea scelta della redazione tocca, manco a dirlo, ad una delle punte di diamante delle fila leghiste, il cui rango da fuoriclasse era già stato celebrato dalle nostre frequenze in tempi non sospetti, diciamo pure pre-mondiali. 

Ascoltando e riascoltando le sue parole, si sa che il talento è cosa rara e quando si ha la fortuna di trovarsi d’innanzi ad una dimostrazione empirica è difficile per l’uomo comune staccarsene, ho deciso di omaggiare una frase che credo possa essere il manifesto del sentimento che tutti i rappresentanti leghisti  nutrono verso il nostro Paese.  “Non c’è un articolo della costituzione che obbliga a tifare per Tizio o per Caio…”

Ora, guardate che per pronunciare questa frase bisogna essere pervasi da un’esplosione di talento! Se non fossero parlamentari, ministri, eurodeputati, sindaci, governatori ci sarebbe veramente da farsi una risata di un giorno intero e magari adoperarsi per farli scritturare in trasmissioni come la Corrida o il Guinness dei Primati della D’Urso. Ed invece nella frase di Salvini è racchiusa tutta la tragicità della situazione in cui versa la rappresentanza politica dell’Italia: gli esponenti della Lega Nord, che mai come oggi hanno avuto potere ed influenza politica, esercitano infatti i loro mandati dimostrando una fedeltà ed un’appartenenza alla Repubblica Italiana che sono figlie solo di un obbligo costituzionale. Il loro cuore e la loro mente, si sa, stanno tutti nelle continue carnevalate padane che mettono in scena! 

Fermo qui il mio inevitabile mix di tristezza, incredulità, rabbia e mi affido volentieri alla risposta che Marcello Lippi, sollecitato sull’argomento da un giornalista, ha rilasciato: «Ma che cavolo me ne frega e poi perchè vi abbassate fino a questo livello? Siete giornalisti di alto livello. Non dovete scendere così in basso con queste domande…».  

Eh sì caro Marcello, con questa risposta mi hai davvero convinto! Se poi domenica prossima passiamo al 4-4-2 saremo d’accordo veramente su tutto…ed in caso di cavalcata mundial sono pronto a suggerire qualche luogo dove concentrare i festeggiamenti.

Silvio nel Paese delle meraviglie!

June 9, 2010

Il teatrino della politica di queste ultime 48 ore sta raggiungendo livelli di assurdità di rara e preziosa fattura. Sembra che tutto ruoti intorno al DDL sulle intercettazioni: la maggioranza è spaccata, Silvio blinda il testo del Senato, il Colle è irritato, il popolo viola ed i magistrati protestano, le opposizioni insorgono, e  radio e tv non parlano d’altro. Tutti i politici intervistati nel merito, che siano contrari o favorevoli, esordiscono più o meno così: “in effetti in passato sono stati fatti degli abusi nell’utilizzo da parte della stampa di stralci di intercettazioni…”  Qualcuno poi ne fa derivare l’urgenza della nuova regolamentazione in materia, qualcun altro, invece, si oppone al DDL perché limita gli strumenti nelle mani della magistratura e degli organi inquirenti. Quello su cui, tuttavia, converrebbe riflettere è proprio la premessa di cui sopra, quando si parla degli abusi. Ma a che cosa si stanno riferendo tutti? Ma in che Paese vivono? Ma cosa vedono? Ritornano ossessivamente parole come “gogna mediatica”, “privacy da tutelare”, “diritto a non essere spiati” e così via. Tralasciando l’ipocrisia di avere allevato un popolo di voyeristi, che adora stare a guardare dieci cretini chiusi in una casa per cento giorni, oppure improvvisarsi allevatori,  naufraghi ed artisti, salvo poi lamentare che sui giornali circolano notizie che mettono in mostra il privato dei personaggi pubblici, mi sorge solo una domanda: ma a quanti Italiani, oltre ai politici, al top management dell’imprenditoria italiana, alla fauna che ruota intorno allo spettacolo ed ai criminali di qualsiasi specie (e le categorie possono spesso sovrapporsi) frega veramente qualcosa delle intercettazioni telefoniche? Dirò di più, quanto della deriva pornografica e scandalistica presa dalla stampa e dai media italiani è il risultato della direzione che proprio la classe politica della Seconda Repubblica ha voluto imprimerle?

Ecco dunque che siamo davanti al solito giochino berlusconiano fatto di narrazioni a cui gli Italiani credono, quasi si trattasse di dogmi di fede. Proprio ieri Berlusconi ha dichiarato: “lobby di magistrati e giornalisti hanno finora impedito che si arrivasse ad un testo che difende al 100 per cento la nostra privacy, che in una democrazia è uno dei primi contenuti del nostro diritto alla libertà”

Di colpo ci troviamo immersi in un racconto che descrive una realtà surreale in cui la prima delle preoccupazioni degli Italiani sarebbe quella di sfuggire alle morse di uno stato totalitario di orwelliana memoria. Sarà, ma a soli pochi giorni dalla presentazione di una finanziaria che prevede che soltanto la gente comune (quella che, dati alla mano, continua a regalare milioni di voti a Berlusconi e Bossi) si farà carico della maxi-manovra da 24 miliardi euro, mi sembra che tutta questa urgenza di liberarci dall’invadenza dello Stato Grande Fratello sia l’ennesima mistificazione. A maggior ragione se poi gli stessi che si lamentano sono i più sfegatati supporters delle videocamere ad ogni angolo di strada.

Per completare in grande stile un quadro già così marcatamente delirante ci ha poi pensato ancora Lui, davanti all’assemblea di Federalberghi. “Governare con l’architettura istituzionale prevista dalla nostra costituzione sarebbe un inferno”; progetti politici ottimi ce ne sono, ha poi aggiunto Berlusconi, ma non è possibile tradurli nella realtà per colpa delle regole istituzionali previste dal nostro ordinamento. “Pensi ad un  cavallo e ne esce fuori un dromedario!”

Bersani giustamente ha fatto notare che il Presidente del Consiglio giura, all’inizio del suo mandato, sulla costituzione: in caso di scarso gradimento l’uscita è sempre aperta.

Dalle frequenze di Political TV ci limitiamo ad una sola battuta. All’origine era l’eredità dei comunisti guidati da Prodi, subito dopo la crisi finanziaria, poi Fini il traditore ed ora è il turno della costituzione e dei poteri della magistratura. Insomma, c’è sempre qualcosa o qualcuno che impedisce ad un governo, formato da soli due partiti e con una maggioranza parlamentare tra le più schiaccianti che la storia repubblicana ricordi, di portare a termine le storielle che ha promesso, questa volta senza neanche sfoderare la scrivania in ciliegio, in campagna elettorale. Chissà mai che la storia del cavallo e del dromedario funzioni anche in questo caso!

Intervallo – Quando il narratore non è il problema.

June 5, 2010

Intervallo - Political TV

Ci risiamo, l’ha rifatto un’altra volta. Martedì sera durante la puntata di Ballarò abbiamo assistito all’ennesima telefonata di Berlusconi in diretta tv: al buon Floris è infatti toccato l’ingrato compito di gestire un Premier particolarmente irritato contro gli indici “truccati” di Pagnoncelli, a dire il vero un esempio quasi mitologico della prudenza del sondaggista, e contro il vicedirettore di Repubblica, reo, a detta di Silvio, di essere un bugiardo.

Che cosa è stato a scatenare così tanto le sue ire? Un tema di quelli caldi, tanto per lui quanto per il suo elettorato: tasse ed evasione fiscale. Una questione, per intenderci, di primissimo ordine nella costruzione del consenso berlusconiano e su cui, non a caso, la differenza tra centro-sinistra e centro-destra viene percepita come più marcata. Nella fattispecie il pomo della discordia è stata l’accusa, mossa dal giornalista di Repubblica a Berlusconi, di aver preso posizioni che avrebbero incentivato l’evasione fiscale, cosa che in tempo di vacche magre e sacrifici nazional-popolari risuona particolarmente insopportabile. Ora, il punto non è tanto stabilire se Berlusconi incentivi l’evasione, cosa tra l’altro confermata dalla ricorrenza nelle sue parabole politiche di concetti come “stato di polizia tributaria” o “mettere le mani nelle tasche degli Italiani”, né se il Berlusconi tris abbia cambiato rotta nella lotta contro gli evasori, cosa a dir poco bizzarra se ci ricordiamo il condono fiscale targato Tremonti o la depenalizzazione dei reati fiscali, piuttosto è interessante prendere spunto per ragionare sui modi più efficaci di colpire il nesso tra Berlusconi ed il suo famigerato consenso popolare.

Il berlusconismo, termine che descrive la discesa in campo dell’imprenditore Silvio Berlusconi a suon di plebisciti popolari, è in buona sostanza nient’altro che una narrazione. Lo ha capito prima e meglio degli altri Nichi Vendola, che non a caso vince le elezioni quando si candida e che continua a chiedere che il centro sinistra italiano si faccia a sua volta portatore di un racconto alternativo.

Non posso in questa sede descrivere nella sua interezza il berlusconismo, ma per ricollegarmi a quanto detto fin qui basta pensare a quanta parte gioca in esso proprio la promessa di uno stato minimo e poco ingombrante nella vita (leggi tasche) degli italiani. E’ invece utile sottolineare che ogni narrazione politica coincide esattamente con un racconto a cui gli elettori possono credere o non credere.  Nel nostro caso troviamo da una parte Silvio, con tutto quello che rappresenta agli occhi degli Italiani (ricco, donnaiolo, imprenditore, showman ecc.) e dall’altra il famigerato popolo della libertà che tanto lo ama e che continua a votarlo. In mezzo ci sta invece il racconto, le promesse e la visione che Berlusconi ha imposto nell’arena politica e nella società italiana.

Ora, opporsi al racconto berlusconiano colpendo l’immagine di Berlusconi, direi il vero sport nazionale del centro sinistra italiano, ha fatto sicuramente la fortuna di diversi personaggi, anche politici (si pendi all’IDV), ma non ha fatto perdere né calare il consenso che Silvio riscuote tra gli Italiani.

E questo perché se tu vuoi spiegare a qualcuno che un racconto, che lo convince, non merita invece alcun credito, non devi evidenziare che chi lo racconta è un personaggio negativo (o meglio non solo) ma dovresti riuscire a dimostrare che quel racconto non lo riguarda. La figura del narratore non è mai il punto, è la narrazione che va smascherata!  Ad un bambino a cui si spiega che Babbo Natale non esiste, non si dice che il papà che si è travestito con la barba bianca ed il costume rosso è un impostore, ma si fanno vedere gli scontrini di chi ha pagato i giocattoli che ha trovato sotto l’albero. Il bambino continuerà ad amare il Natale ma smetterà di credere a Babbo Natale.

Così per contrastare la credenza nel berlusconismo che caratterizza il tipico elettore del PDL,  non serve più raccontare che Silvio è stato indagato per corruzione, che è un gaffeur di fama internazionale, che è immerso in un conflitto di interessi di dimensioni macroscopiche, che potrebbe aver avuto una relazione ambigua con una minorenne o che si è tenuto in casa un mafioso come stalliere, ma gli si deve spiegare che tutto ciò che Berlusconi rappresenta e gli promette non è per lui, non lo ha riguardato fino ad adesso e non lo riguarderà mai. Signori, non si scappa, se tutti gli elettori di Berlusconi avessero davvero ottenuto quello che si aspettavano da lui, nessuna opposizione avrebbe mai possibilità di invertire i rapporti di forza. Ed invece più soldi, più guadagni, più libertà, il successo facile, il fare ed amare, i tagli alle tasse, le ville, le crociate contro la giustizia comunista che ti osserva e ti intercetta, sono un racconto che parla “ai” milioni di elettori di Berlusconi ma che non parla “dei” milioni di elettori di Berlusconi.  

Si crede in via emotiva nella figura del leader carismatico ma si crede in maniera molto più razionale al proprio tornaconto. Dipingere i difetti del capo, e di tutti i cortigiani che gli fanno compagnia, non fa cambiare il voto di chi crede nelle sue storielle e quindi in lui: è invece solo rompendo il legame tra le storielle e la comunità dei credenti che si ottiene l’effetto di smascherare il narratore e magari si riesce a fargli perdere qualche voto.

Ultimamente mi sembra che sotto questo punto di vista l’opposizione stia facendo qualche timido passo nella direzione giusta, era ora, ma il tutto chiaramente da solo ancora non basta. Manca infatti un racconto alternativo: l’uomo ha sempre bisogno di credere in qualcosa, non gli si può chiedere di non credere in nulla!

Padania’s Got Talent – Maroni fa lo gnorri

June 3, 2010

Padania's Got Talent

È veramente tragicomico, tra le notizie che arrivano dal mondo come la denuncia dei pestaggi israeliani sulle navi della flottiglia o l’inarrestabile marea nera che avanza nel golfo del Messico, vedere il teatrino italiano che scorre noncurante. Il fenomeno (da baraccone) di oggi è Maroni, che davanti alle accuse di Napolitano fa lo gnorri e dice: «no, avete capito male, non c’è nessun significato politico nella mia assenza a Roma».

Maroni, come tutti i leghisti, si barcamena tra le poltrone romane (che tiene ben strette) e l’immagine che vorrebbe dare di sé al Nord. La gente di Varese (e qui sta il problema) ancora vota la Lega pensando che in questo modo venga rappresentata la loro protesta contro la “Roma ladrona”. E i leghisti fanno di tutto per farglielo pensare: Maroni non va alle feste comandate della Repubblica, il Trota dice che non segue la nazionale di calcio, Bossi un giorno sì e l’altro pure ne spara una nuova. Insomma fanno una fatica bestiale e spendono un sacco di energie per far credere questa favola agli italiani del Nord. L’importante è che sui media vengano riportate queste notizie, e che la gente creda che la Lega è contro gli sprechi romani.

Ma quando i riflettori e le telcamere si spengono, e i fotografi e i giornalisti se ne vanno, quatti quatti, i leghisti tornano a occupare le loro poltrone romane. Seduti alla tavola di Berlusconi. E insieme ai Mastella e ai Cosentino. Macchè Padania… buon appetito.